Bologna – Los Angeles – Pasadena

La prima semplice tappa del nostro On the road inizia con una levataccia: sono le 5.00 e siamo già in aeroporto a Bologna. Carichiamo la valigia (unica, come sempre partiamo con un solo bagaglio imbarcato: meno cose da spostare e tirare giù dall’auto) e ci mettiamo in attesa del volo per Madrid, dove voleremo separati perchè non abbiamo fatto il check in online (e vabbè!). Volo tranquillo, la compagnia, Iberia, su questo volo è impeccabile.
Sulla seconda parte del volo, sempre gestita da Iberia, ho qualche riserva: le hostess ci hanno ignorati visto che eravamo negli ultimi posti, ci hanno relegato il cibo rimasto nonostante le nostre scelte e così via. Almeno, avevamo tre posti a disposizione che ci hanno permesso di stenderci un po’ durante le 12 ore di volo verso Los Angeles.
Appena atterrati, sono le 16.30 circa locali, recuperiamo il nostro trolley e ci fiondiamo a ritirare l’auto: abbiamo scelto di dormire fuori Los Angeles per evitare il traffico della mattina seguente, ci sposteremo a nord, a Pasadena, quartire di cui consigliano una visita.
L’impatto con l’autostrada losangelina è trafficato, ma non come ci aspettavamo: nei tempi previsti ci troviamo all’hotel, dal quale fuggiamo dopo una doccia per evitare di morirci direttamente.
Usciamo con l’auto, la zona non sembra pericolosa, ma a piedi non vediamo diner sulla strada quindi decidiamo di muoverci verso il centro dove lasceremo la nostra fida compagna di viaggio in un semplice parcheggio custodito, tutta la sera a 4$.

Facciamo due passi, la zona è molto vitale, piena di lucine, anche se appena fuori dalle arterie principali c’è qualche homeless. Ci sono anche vari posti di blocco per le auto: è venerdì sera e controllano a strombatuto che nessuno al volante beva o sia minimamente alticcio. Avendo notato il blocco, decidiamo che limiteremo le birre per questa sera.
Scegliamo di fare due passi fuori dalla zona più viva per andare a vedere il Pasadena City Hall, tutto illuminato di sera e ci rendiamo conto che siamo incappati proprio in una di quelle zone da evitare, scattate un paio di foto, ci togliamo dai piedi e torniamo verso la zona più tranquilla del quartiere.

Finiamo a cena in un posto che avevo avvistato su tripadvisor, senza starlo a cercare ci sembra un faro nella fame che ci sta attanagliando: un ottimo buger doppio bacon, specialità della casa, addirittura servito con salsa babecue con pezzetti di bacon dentro. La morte, insomma. Evitiamo il posto di blocco e torniamo verso casa, domani mattina ci sposteremo verso Altadena per immortalare le ville dei personaggi del telefilm Beverly Hills 90210: questa sera abbiamo solo ritrovato il Peach Pit, oggi diventato un ristorante cinese, locale che Brandon & co. frequentavano nella serie.

[Abbiamo dormito al Travelodge Pasadena Central, catena che abbiamo sfruttato spesso con un buon rapporto qualità prezzo: wifi e colazione inclusi, prezzo sugli 80€ tasse incluse. La cena invece, l’abbiamo sbafata da Slater’s 50/50, consigliatissimo. Photo by Matthew LeJune on Unsplash]

Pronto per la prossima tappa?

Oppure, rivedi l’itinerario completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
24 ⁄ 8 =